Un paese di soli guardiani capovolge la distopia in utopia. E ciò per il tramite di un’ambivalenza: guardiano vale ‘aguzzino’, ‘sbirro’, ma anche ‘custode’, ‘scorta’. Come Porfirij Petrovič: il giudice istruttore di Delitto e castigo tiene l’omicida in continuo stato di allarme, ma prova per lui una simpatia autentica. Indagatore d’anime a sua volta, Marco Villa matura nel libro l’esperienza del distacco («discrezione», la chiamerebbe Pierre Zaoui): quanto di più chiuso e deleterio sussiste nell’amor proprio è lasciato infine cadere, per avvicinare l’altro. Incrinato, fessurato, aperto, chi dice io stabilisce un contatto che predispone a un incorporamento: nel confronto, nella messa in comune delle nostre vite si fonda allora la possibilità di una liberazione.

collana A27 poesia | 12 euro | settembre 2019

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: