Un paese di soli guardiani capovolge la distopia in utopia. E ciò per il tramite di un’ambivalenza: guardiano vale ‘aguzzino’, ‘sbirro’, ma anche ‘custode’, ‘scorta’. Come Porfirij Petrovič: il giudice istruttore di Delitto e castigo tiene l’omicida in continuo stato di allarme, ma prova per lui una simpatia autentica. Indagatore d’anime a sua volta, Marco […]

Giuseppe giace al fondo della cisterna come in un regressus ad uterum. Chiamate le ginocchia al petto, disteso su un fianco, il figlio più amato di Giacobbe è colto da indefiniti terrori e sogni di fuga (vi si accampano con sicuro effetto i migranti di oggi): sono le visioni e divinazioni per cui il faraone […]

Fra il sonno, che è riposo e rifugio, e la veglia, tempo di scelte e di attese, Il scappamorte nasce sulla soglia, quell’indiscreto affiorare dell’inconscio che permette a realtà e visione onirica di fondersi. Mentre gli altri, i vicini, vivono di giorno la loro vita di «doppioni», Scappamorte è creatura della notte: in essa si […]