Giuseppe giace al fondo della cisterna come in un regressus ad uterum. Chiamate le ginocchia al petto, disteso su un fianco, il figlio più amato di Giacobbe è colto da indefiniti terrori e sogni di fuga (vi si accampano con sicuro effetto i migranti di oggi): sono le visioni e divinazioni per cui il faraone lo richiede del suo aiuto. Ne Il sogno di Giuseppe il significato manifesto è plausibile, ma rimanda ad altro: allegoria vivissima, con i colori e i tratti dell’umano più vero, Giuseppe media tra il singolo che ha un’origine e una storia, e la categoria che tutti i singoli, tutti noi (migranti e non) comprende e spiega.

A27 poesia | 12 euro | aprile 2019

Fra il sonno, che è riposo e rifugio, e la veglia, tempo di scelte e di attese, Il scappamorte nasce sulla soglia, quell’indiscreto affiorare dell’inconscio che permette a realtà e visione onirica di fondersi. Mentre gli altri, i vicini, vivono di giorno la loro vita di «doppioni», Scappamorte è creatura della notte: in essa si raccoglie, a essa si confida, scopre che la verità è una mente incerta. Villalta ci ricorda che tutto entra ed esce dal tempo, «tutto / passa di vita in morte in vita in un istante».

collana A27 poesia | 12 euro | settembre 2019